Fondo asilo migrazione e integrazione (Fami) | Ministero dell‘Interno

Cos’è il Fondo asilo migrazione e integrazione 2014-2020
Il “Fondo asilo migrazione e integrazione 2014-2020” (Fami)” è uno strumento finanziario istituito con Regolamento UE n. 516/2014 con l’obiettivo di promuovere una gestione integrata dei flussi migratori sostenendo tutti gli aspetti del fenomeno: asilo, integrazione e rimpatrio.

Il Fondo offre un supporto agli Stati per perseguire i seguenti obiettivi:

rafforzare e sviluppare tutti gli aspetti del sistema europeo comune di asilo, compresa la sua dimensione esterna;
sostenere la migrazione legale verso gli Stati membri in funzione del loro fabbisogno economico ed occupazionale e promuovere l’effettiva integrazione dei cittadini di Paesi terzi nelle società ospitanti;
promuovere strategie di rimpatrio eque ed efficaci negli Stati membri, che contribuiscano a contrastare l’immigrazione illegale, con particolare attenzione al carattere durevole del rimpatrio e alla riammissione effettiva nei paesi di origine e di transito;
migliorare la solidarietà e la ripartizione delle responsabilità fra gli Stati membri, specie quelli più esposti ai flussi migratori e di richiedenti asilo, anche attraverso la cooperazione pratica.
— Leggi su www.interno.gov.it/it/temi/immigrazione-e-asilo/fondi-europei/fondo-asilo-migrazione-e-integrazione-fami

Bibliomondo | Città di Firenze

A BiblioteCaNova Isolotto corsi di lingua italiana per stranieri e sportello informativo e orientativo ai servizi del territorio

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdeIJUwgzxA43JdvpeV2jwCXY7eLoRu9AqYDlXiNqL0PY1YOg/viewform
— Leggi su www.comune.fi.it/taxonomy/term/1477

Amir, in visita coi migranti nei musei di Firenze – Rete Migrazioni e Lavoro

Amir, in visita coi migranti nei musei di Firenze – Rete Migrazioni e Lavoro
— Leggi su www.retemigrazionilavoro.it/amir-in-visita-coi-migranti-nei-musei-di-firenze/

Gli effetti delle tecnologie digitali sugli adolescenti: niente panico e più ricerca – Valigia Blu

I media sono di fondamentale importanza in settori quali il benessere, la democrazia, la povertà, la violenza, l’istruzione, le azioni per il clima e altro ancora. Tuttavia, nonostante le promesse dei big data, nessuno sa davvero cosa le persone effettivamente vedano e facciano sui loro schermi in un mondo digitale sempre più complesso. Di conseguenza, la ricerca e le politiche sono spesso incomplete, irrilevanti o sbagliate.
— Leggi su www.valigiablu.it/adolescenti-tecnologie-ricerche/

Solo il 15% degli italiani va in biblioteca. E la nostra società ne è il risultato.

Appena il 15% della popolazione va in biblioteca. Questo rappresenta una propensione tipica di un Paese in cui c’è poco sentimento della cosa pubblica.
— Leggi su thevision.com/cultura/biblioteca-societa-italiani/

“Quale che sia il costo delle nostre biblioteche, il prezzo è sempre più basso rispetto a quello di una nazione ignorante”

Disponibile la nuova edizione del “Manuale al buon uso” eTwinning – eTwinning Italia

17 febbraio 2020
Disponibile la nuova edizione del “Manuale al buon uso” eTwinning

Curata dall’Unità nazionale eTwinning Indire, questa nuova edizione del Manuale rivede le precedenti versioni (2016 e 2018), includendo gli ultimi aggiornamenti dal mondo eTwinning, comprese le funzionalità di eTwinning Live, come il nuovo riconoscimento per le Scuole eTwinning, oltre ai tutorial operativi aggiornati di tutte le sezioni della piattaforma.
— Leggi su etwinning.indire.it/disponibile-la-nuova-edizione-del-manuale-al-buon-uso-etwinning/

“Apprendimento innovativo della lingua L2 attraverso l’empatia e l’inclusione socio-culturale” / FIRENZE 22.02.2020

La invitiamo al seminario partecipativo di condivisione di buone pratiche di insegnamento ed apprendimento della Lingua Italiana per migranti e richiesti asilo dal titolo:


“Apprendimento innovativo della lingua L2 attraverso l’empatia e l’inclusione socio-culturale”


che si terrà presso il dipartimento di Scienze della Formazione in Via Laura 48 in Aula Altana il giorno sabato 22 febbraio 2020 dal h. 9.30 alle 13.00.


L’obiettivo del seminario, realizzato nell’ambito del progetto Erasmus Lingua Plus in collaborazione con partner provenienti da Islanda, Cipro e Repubblica Ceca, è condividere e mettere in comune pratiche innovative ed efficaci di apprendimento della lingua del paese di accoglienza per i migranti e richiedenti asilo e creare network e comunità di pratiche tra docenti, attivisti, operatori e volontari.

11-13 Marzo: “Le reti del tradurre Lingue, culture e letterature”. Convegno al Santa Chiara Lab |Dipartimento di Filologia e critica delle letterature antiche e moderne – Siena

Si svolgerà nei giorni 11, 12 e 13 marzo 2020 a Siena, presso il Santa Chiara Lab (Via valdimontone, 1) il Convegno:
 
                 Le reti del tradurre. Lingue, culture e letterature
 
mercoledì 11 marzo
ore 14.30         Saluti di benvenuto
ore 14.45         Maurizio Bettini (Università degli Studi di Siena)
Introduzione ai lavori
“I CLASSICI DEGLI ALTRI” – Presiede: Maurizio Bettini
ore 15.30         Fritz-Heiner Mutschler (Technische Universität Dresden), “Translations”: Some personal Observations on the Reception of Greco-Roman Antiquity in China
ore 16.00         discussione
ore 16.30         pausa caffè
ore 17.00         Wei Zhang (Fudan University), Translating the Homeric Epics into Chinese New Poetry. A Network of Poetic Ideas (Ancient and Modern, Western and Chinese)
“TRADURRE LE IDENTITÀ, TRADURRE LA MIGRAZIONE” – Presiede: Elena Spandri (Università degli Studi di Siena)
ore 17.30         presentazione del n. LX di «Semicerchio. Rivista di poesia comparata» dal titolo Migrations and Identity
Intervengono Pietro Deandrea (Università degli Studi di Torino) e Francesco Stella (Università degli Studi di Siena)
ore 20.00         cena presso il ristorante Certosa di Maggiano, Strada di Certosa 82/86
 
giovedì 12 marzo
“LE TRADUZIONI NECESSARIE” – Presiede: Alessandro Barchiesi (Università degli Studi di Siena)
ore 9.30           Philip Hardie (University of Cambridge), Translations of Biblical and Classical Cultures in Early Modern England
ore 10.00         Daniel Heller-Roazen (Princeton University), Dalla mimesi all’immaginazione. In margine alla Poetica araba
ore 10.30         discussione
ore 11.00         pausa caffè
“LE TRADUZIONI PERICOLOSE” – Presiede: Pietro Cataldi (Università per Stranieri di Siena)
ore 11.15         Isabella Mattazzi (Università degli Studi di Ferrara) discute con Marcello Flores (Università degli Studi di Siena), Pierluigi Pellini (Università degli Studi di Siena) e Roberto Venuti (Università degli Studi di Siena)
ore 13.00         pranzo a buffet presso il Santa Chiara Lab
“TRADURRE IL MEDIOEVO, TRADURRE NEL MEDIOEVO” – Presiede: Lino Leonardi (Università degli Studi di Siena)
ore 14.30         Noel Golvers (Katholieke Universiteit Leuven), Traduzioni in Latino e globalizzazione delle conoscenze in età medievale e protomoderna
ore 15.00         Eugenio Burgio (Università Ca’ Foscari), Tradurre i testi medievali: questione (non solo) di forma
ore 15.30         Claudio Galderisi (Université de Poitiers), Le traducteur-philologue. La note de bas de page: une solution paresseuse?
ore 16.00         discussione
ore 16.30         pausa caffè
ore 16.45         Franco De Vivo (Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”), La trasmissione del testo tradotto nel Medioevo inglese
ore 17.15         discussione
“RISCRITTURE E RIADATTAMENTI. LE MOLTE STRADE DELLA TRADUZIONE” – Presiede: Claudio Lagomarsini (Università degli Studi di Siena)
ore 17.30         Tavola rotonda con Ginevra Benedetti, Carmine Canfora, Giuseppe Carrara, Filomena Giannotti, Beatrice Montorfano, Linda Puccioni, Giuliana Ricozzi
ore 20.00         cena presso il ristorante L’Orto de’ Pecci, Via di Porta Giustizia 39
 
venerdì 13 marzo
“L’AUBERGE DU LOINTAIN” – Presiede: Antonio Prete (Università degli Studi di Siena)
ore 9.30           Andrea Rodighiero (Università degli Studi di Verona), Omero nel tempo. Tradizioni e traduzioni epiche
ore 10.00         Giorgio Amitrano (Università degli Studi di Napoli L’Orientale), Uno sguardo dal ponte. Il rapporto del traduttore con la distanza
ore 10.30         discussione
ore 11.00         pausa caffè
“TRADUZIONE E MEMORIA: L’EUROPA VISTA DA EST” –  Presiede: Paola Del Zoppo (Università degli Studi della Tuscia)
ore 11.15         Tavola rotonda con Roberta Gado (traduttrice), Andrea Landolfi (Università degli Studi di Siena), Bruno Mazzoni (Università di Pisa), Andrea Sirotti (traduttore)
 
 
Comitato scientifico:  Maurizio Bettini, Maria Rita Digilio, Alessandro Fo, Claudio Lagomarsini, Andrea Landolfi, Pierluigi Pellini, Elena Spandri, Francesco Stella, Roberto Venuti
Segreteria organizzativa: Giuseppe Carrara (giuseppe.carrara@outlook.it), Filomena Giannotti (filomenagiannotti@gmail.com)
— Leggi su www.dfclam.unisi.it/it/notizie/11-13-marzo-le-reti-del-tradurre-lingue-culture-e-letterature-convegno-al-santa-chiara-lab

YEMEN – NONOSTANTE LA GUERRA

Il Nuovo Eden ( Brescia) in collaborazione con Associazione per i Diritti Umani propone un incontro con visione di un documentario e dibattito con un ospite esperto. Un’occasione di approfondimento – dedicata agli studenti e gli insegnanti delle scuole superiori – sui temi di attualità, geopolitica, economia, diritti sempre in relazione alle conseguenze sulla società civile e le sue numerose forme di resistenza. 

Italia 2019 Regia: Laura Silvia Battaglia Durata: 50’ 

Inglese con sottotitoli in italiano

Sinossi: 

Una guerra dimenticata. E’ la guerra civile nello Yemen, che vede schierate anche le grandi potenze mondiali. Un paese di straordinaria bellezza, di cultura millenaria, precipitato in una crisi umanitaria tra le peggiori al mondo. Silvia Battaglia torna dopo 4 anni di assenza, in Yemen, il Paese dove ha vissuto a lungo e di cui è diventata poi cittadina. E, nonostante la povertà, la guerra e l’evidente stato di prostrazione e sofferenza del popolo yemenita, trova delle persone che fanno l’impossibile per costruire le basi della futura società, quella che sarà necessario ricostruire dopo la pace.

Un maestro che a Taiz trasforma la sua casa in una scuola, per impedire che i bambini attraversino la front-line ogni giorno; il direttore del museo archeologico che, a Sanaa, decide di restare in questa struttura collassata dalle bombe e fatiscente per custodire quel che rimane del patrimonio archeologico; un giovane regista che, ad Aden, decide di realizzare un film collettivo sulla guerra e organizza proiezioni clandestine, approfittando del conflitto, per forzare la legge che impedisce l’accesso pubblico al cinema.

Più di diecimila morti, più di quindicimila feriti, 18 milioni di persone senza cibo, lo Yemen è un paese sotto assedio e la sua tragedia è quasi sconosciuta.

 

 

Ospiti in sala:

Alessandra Montesanto, responsabile Associazione Per i diritti umani, moderatrice Laura Silvia Battaglia (regista del documentario) è giornalista professionista freelance e documentarista specializzata Medio Oriente e zone di conflitto, con particolare focus su Yemen e Iraq. Nata a Catania, vive tra Milano e Sana’a (Yemen), Paese nel quale si è stabilita nel 2013 e di cui ha una seconda cittadinanza per motivi familiari. Lavora per media stranieri (Transterra Media, TRTWorld, (RSI), Index on Censorship, The Fair Observer, Guernica Magazine, The Week India, The New Arab) e italiani (i quotidiani Avvenire, Repubblica, La Stampa, Il Fatto Quotidiano e altri). Insegna come docente a contratto all’università Cattolica di Milano, alla Nicolò Cusano di Roma, al Vesalius College di Bruxelles e al Reuters Institutedi Oxford.

Biglietto ingresso studenti: 3,50 euro

Ingresso gratuito per gli insegnanti