Media Education (CREMIT)

http://www.novecento.org/pensare-la-didattica/il-metodo-degli-eas-una-proposta-per-affrontare-la-crisi-dellinsegnamento-della-storia-e-il-confronto-con-il-presente-7489/

IL METODO DEGLI EAS: UNA PROPOSTA PER AFFRONTARE LA CRISI DELL’INSEGNAMENTO DELLA STORIA E IL CONFRONTO CON IL PRESENTE

di Enrica Bricchetto

Ago 24, 2022 | In evidenzaPensare la didattica |     

Il metodo degli EAS: una proposta per affrontare la crisi dell’insegnamento della storia e il confronto con il presente

Photo by Huzaifa Tariq on Unsplash

ABSTRACT

In questo articolo si propongono alcuni spunti di riflessione sull’insegnamento/apprendimento della storia nel complesso presente che stiamo vivendo in ordine al rapporto con la contemporaneità, con i consumi culturali di studentesse e studenti e con l’epistemologia della disciplina.  Si presenta il metodo degli Episodi di Apprendimento Situato (EAS) nelle sue linee generali e in quelle specifiche relative alla disciplina storica, suggerendo un’idea di scuola che accolga l’innovazione entro la tradizione.

Il progetto: Educazione Civica Digitale, un’ipotesi per la scuola primaria 

 2 giorni fa di Maria Cristina Garbui

Il progetto: Educazione Civica Digitale, un’ipotesi per la scuola primaria

“Educazione civica digitale. Un’ipotesi per la scuola primaria”, parte il corso sperimentale per le scuole lombarde – Il Corecom Regione Lombardia e l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, tramite i suoi Centri di ricerca sulla sui media e la comunicazione (OssCom) e sull’Educazione ai Media all’Innovazione e alla Tecnologia (Cremit) propongono alle scuole lombarde un progetto sperimentale di ricerca-intervento sulla formazione alla cittadinanza digitale nella Scuola Primaria che partirà l’8 novembre 2021.  
Clicca qui per continuare a leggere…

“Educazione civica digitale. Un’ipotesi per la scuola primaria”, continua il corso sperimentale per le scuole lombarde – Secondo i suoi aspetti principali, la cittadinanza digitale si può declinare come insieme di diritti e di responsabilità, come identità e come partecipazione. Con l’attuazione della legge n. 92 del 20 agosto 2019 Introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica, in applicazione della quale sono state poi emanate le Linee guida del 2020, si sono mossi i primi passi per preparare gli studenti della scuola italiana a diventare cittadini attivi e consapevoli in una società democratica e caratterizzata da cambiamenti sempre più rapidi.
Clicca qui per continuare a leggere… 

“Educazione civica digitale. Un’ipotesi per la scuola primaria”, gli esiti e le progettazioni del corso sperimentale per le scuole lombarde – Alla fine di marzo si sono conclusi i lavori del progetto realizzato dal Corecom Regione Lombardia e dall’Università Cattolica di Milano, tramite i suoi Centri di ricerca sui media e la comunicazione (OssCom) e sull’Educazione ai Media all’Innovazione e alla Tecnologia (Cremit), con la direzione scientifica di Piermarco Aroldi e Pier Cesare Rivoltella
Clicca qui per continuare a leggere…

#staytuned
Vi aggiorneremo presto in merito alle nuove prospettive di ricerca che nasceranno da questo progetto anche a partire dal lavoro di applicazione delle proposte progettuali dei docenti che hanno partecipato.

vai al precedente
« “Educazione civica digitale. Un’ipotesi per la scuola primaria”, gli esiti e le progettazioni del corso sperimentale in Lombardia

vai al successivo
AgevolUp: la prima app italiana dedicata ai care leavers. Un’esperienza di Tecnologia di Comunità »

Towards equal opportunities for media literacy in Finland

Media Education Conference 2021, organised by the University of Lapland, brought together researchers and experts from all over the world to Rovaniemi, Finland to discuss and present research findings exploring the topical questions related to mediated society, literacy and learning.

Approfondimenti formativi per il progetto „ Mediazione per l’accoglienza“ Consorzio Erasmus Plus 2021-1-IT02-KA121-SCH-000012059: Obiettivi 1, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9.

KAVI promotes media literacy in Finland 

Together with Leo Pekkala we presented the greetings from the National audiovisual institute KAVI and introduced some of our latest key initiatives to promote media literacy in Finland. 

Promoting systematic and cumulative development of media literacy for children and young people

Children live in a media-rich and highly digitalized society. Smart phones, digital games and online video content are part of a minor’s everyday life as much as books, sports equipment or toys.

However, children are not born as competent digital media users. They need education and guidance to learn how to benefit from media. In the Finnish national curricula, broad aspects of literacy are widely included—from early childhood education right through to pre-primary and basic education.

To further support nation-wide equality and each child’s right to learn, the Finnish Ministry of Education and Culture has launched the national New Literacies Development Programme for the years 2020-2022. 

The programme is carried out and coordinated by two governmental agencies: our institute KAVI and the Finnish National Agency for Education.

The core of the development programme is a set of competence descriptions for the following three areas:

  • media literacy,  
  • programming and
  • information and communications technology (ICT)  

The competence descriptions were formed based on the national core curricula in a process involving education experts across the country. In basic education, one important aim of the descriptions is to clarify, to both teachers and the young people themselves, the competences that pupils are expected to achieve through their education. In early childhood education and pre-primary education, no direct learning objectives are set for children. Instead, the descriptions are targeted at professionals as examples of good pedagogical practice.  

Competence descriptions aim to inspire and support the systematic planning and evaluation of teaching. The descriptions also demonstrate how these competences cumulate through early childhood education, pre-primary education, and the different grade-levels of basic education.  

A variety of free teaching resources will be produced and disseminated for educators to support them in their pedagogical planning. 

The resources are designed to inspire and support teaching aligned with the competence descriptions. Many of these resources also serve as in-service training material for teachers.  During the years 2021-2022, over 40 municipal projects across Finland will be piloting the program in practical teaching.

Media literacy for adults

In today’s highly digitalized and mediated world, media literacy is not essential competence only for children and young people but for all ages. There are plenty of examples in the services provided by liberal adult education providers, libraries and other cultural actors, civil society organisations and businesses, which contribute to providing people with opportunities to develop their media literacy. However, even though plenty of work is being carried out, a comprehensive understanding of the overall situation is yet to be achieved. Thus, together with the Centre for Cultural Policy Research Cupore we conducted a qualitative interview study to get a closer look of the current situation.

During the interviews, experts were asked to consider the challenges in their own work aiming to promote adults’ media education, as well as factors that promote or support their work on media literacy. After this, they were asked to assess the field’s general situation in Finland: what the essential challenges in the field are and which factors support the work.

Media literacy is understood broadly in Finland. The study at hand broadens knowledge of what media education perspectives and topics are currently emphasised in media education work and what are the areas where more attention should be paid to in the future. According to the study, attention should be paid to critical media literacy and, in terms of user skills, security skills and data control.

Various literacy concepts, such as media literacy, information literacy and digital literacy, have been introduced to cover the developments in technology and media. Based on the study, defining media literacy as part of broader strategy can help to ensure the needed resources for the practical work.

Setting directions for the future

Study also involved seeking ideas for key actions in the future that could facilitate promoting the media literacy of adults in a comprehensive, high-quality and systematic manner in accordance with the objectives of the Finnish media education policy.

The actions highlighted by experts in the survey can be divided into five areas:  

  1. promoting awareness of media education, 
  2. coordination and steering, 
  3. strengthening the research basis, 
  4. increasing media educational competence and
  5. developing financing.

Key for systematic development of media literacy is in the cooperation

Promoting media literacy is a joint effort. No one is able to solve all of the challenges related to the actions mentioned above alone, but all can take part in the shared effort. The highlighted actions help with finding points to delve into and create a basis for joint discussion. 

In KAVI, we support media literacy work for example by producing, compiling, and preparing support materials, promoting awareness and educational competence, coordinating and creating new opportunities for stakeholders to co-operate, network and provide information about their own activities.

If you are interested to learn more about media literacy in Finland, feel free to contact us.

Lauri Palsa (PhD) is a Senior advisor and media literacy team leader in the National Audiovisual Institute, KAVI, in Finland. He has several years´ experience in researching, developing and promoting national media education in Finland. He is the co-author of the Media literacy in Finland. National media education policy. He is interested in developing contextualized literacies in the digital mediated world, competence-based education, curriculum research and media education.

Leo Pekkala has a long academic and professional career both in Finland and internationally. Dr. Pekkala is the Deputy Director of the National Audiovisual Institute of Finland and the Head of its Media Education and Audiovisual Media Department, a government authority under the Ministry of Education and Culture. His main tasks are the promotion and coordination of media education at a national level. He is also the government authority on supervision of the provision of audiovisual programmes from the perspective of protection of children, and classification of audiovisual programmes (age ratings).

https://www.cremit.it/cd-news/ ( Novembre 2021)

Prosegue il percorso “Check & Design” che ci vede impegnati sul tema della #informationliteracy in un progetto Erasmus+.
👉 A Lisbona SimonaFerrari ha illustrato la piattaforma #Eduopen che ospita #mooc sul tema cremit.it/cd-news/
@Cattolica_News
📍#checkandesign

“Nuovi Alfabeti” di Pier Cesare Rivoltella

Il nuovo lavoro di Pier Cesare Rivoltella prende le mosse da una considerazione: la Media Education si è normalizzata, anche grazie alla diffusione dei media digitali e sociali e alla loro pervasività di impatto sulla vita delle persone: da prospettiva di nicchia, è diventata preoccupazione diffusa rischiando una forte semplificazione.
Il libro muove da questa situazione per descrivere un itinerario in tre tappe.
➡️ La prima è la ricostruzione della storia della Media Literacy e della Media Education negli ultimi vent’anni.
➡️ La seconda consiste in un’ampia descrizione, nella prospettiva dell’educazione ai media, della società informazionale.
➡️ La terza, sostenuta dall’analisi di metasintesi di una selezione di articoli internazionali, prova a indicare i contorni di una nuova Literacy individuandone lo specifico nelle tre dimensioni della #critica, dell’#etica e dell’#estetica.

http://www.morcelliana.net/saggi/3949-nuovi-alfabeti-9788828401933.html

MOOC “3-6-9-12”: seconda edizione


Pier Cesare Rivoltella è professore ordinario di Didattica e tecnologie dell’istruzione all’Università Cattolica del S. Cuore di Milano dove ha fondato e dirige il CREMIT (Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media, l’Innovazione, la Tecnologia). È membro della Commissione Scuola dell’Accademia dei Lincei. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Tempi della lettura. Media, pensiero, accelerazione (Scholé, 2020) e Il corpo e la macchina. Tecnologia, cultura, educazione (con Pier Giuseppe Rossi, Scholé 2019). Dirige la rivista «EAS – Essere a scuola».

Il libro di Serge Tisseron ( 2016) “3-6-9-12 Diventare grandi all’epoca degli schermi digitali” e relativo MOOC curato dal CREMIT

Ispirato al libro 3-6-9-12. Diventare grandi all’epoca degli schermi digitali di Serge Tisseron (2016), il corso in forma di MOOC offerto dal CREMIT periodicamente è articolato in cinque moduli settimanali e si struttura su due dimensioni complementari. Da un lato propone conoscenze e strumenti per ogni fascia di età: nido, scuola d’infanzia, primo e secondo ciclo della primaria. D’altro lato, identifica quattro aspetti centrali che risultano trasversali dalla nascita ai 12 anni: il senso motorio, la capacità di raccontare, il gioco e le relazioni sociali.

Ogni modulo propone video lezioni tenute da docenti universitari, schede di approfondimento tematico, proposte operative da utilizzare nei contesti didattici, materiali letterari, video e digitali utili per approfondire ulteriormente quanto trattato, alcune domande per verificare gli apprendimenti.

Per accompagnare questo processo vi invitiamo a seguire questo tutorial, prodotto da ILAB (Università Cattolica del Sacro Cuore): 

https://www.cremit.it/category/media-education/

Il direttore del Cremit, Pier Cesare Rivoltella, è intervenuto giovedì 22 agosto al Meeting di Rimini durante l’incontro “A scuola di digitale. Il digitale a scuola” promosso da Disal, Diesse e CdO Opere educative, momento a cui hanno partecipato moltissimi dirigenti scolastici, docenti, operatori di scuola, genitori. Con lui si è confrontato Luca Botturi, docente in Media in educazione alla Supsi di Locarno. 
“La scuola digitale in quanto tale non esiste – ha spiegato Rivoltella nel suo intervento – si tratta di parlare semplicemente di scuola o, se si vuole, di ‘scuola al tempo del digitale‘”. Nella “società del codice”, ha suggerito tre sottolineature al pubblico della Fiera di Rimini:
Il fattore #tempo: oggi è sempre più un tempo contratto ed associato con un processo di #accelerazione costante. La nostra è una società dell’accelerazione, quella che ci fa vivere con la percezione di essere sempre in ritardo sulle cose. Ci sentiamo in colpa per essere in ritardo e per questo prolunghiamo il tempo di servizio oltre il tempo e lo spazio.
La #conoscenza: oggi disponiamo di moltissime #informazioni che si consumano ed invecchiano rapidamente, causando una gestione complessa delle informazioni. Un tempo il problema era come trovare le informazioni, mentre oggi il tema è come sceglierle.
La #relazione: la risorsa umana nell’organizzazione digitale rischia di ridursi a semplice ruolo, a funzione, a somma di #competenze. Occorre allora gestire lo strumento digitale in modo che esso non sostituisca il compito della persona. Si tratta di creare continuamente un rapporto tra #profitto e #democrazia.
Qui il link allo streaming della tavola rotonda “A scuola di digitale. Il digitale a scuola” 
Un articolo per approfondire: 
“SCUOLA/ Digitale, studenti e prof: evitiamo di usarlo senza capirlo”ilSussidiario.net, 24 agosto 2019. 
“Scuola digitale e digitale nella scuola”, CattolicaNews, 28 agosto 2019
Condividiamo il testo dell’intervento (trascritto da Federica Pilotti e rivisto da Alessandra Carenzio):
A scuola di digitale_ il digitale a scuolaScarica




Read more at https://www.cremit.it/video-la-scuola-al-tempo-del-digitale-lintervento-di-rivoltella-al-meeting-di-rimini/#lcGV4jxEryFLbbyR.99

CSR, azienda, scuola e territorio: il Curricolo di Educazione Civica Digitale tra videointerviste e survey 

 di Stefano Pasta

image: https://www.cremit.it/wp-content/uploads/2019/07/Immagine.png

CSR, azienda, scuola e territorio: il Curricolo di Educazione Civica Digitale tra videointerviste e survey

di Bruno Minini, studente della Laurea Magistrale in Media Education

Che c’entra la responsabilità sociale d’impresa (CSR) con la media education? E con la scuola? Da grande vuoi fare l’insegnante?

La risposta più ovvia al primo quesito potrebbe essere “nulla!”…oppure si potrebbe pensare ad una realtà aziendale il quale know-how c’entra con i media e con l’informazione e che quindi si spende in una qualche attività per incontrare le esigenze della società come nel caso di Sky Academy. 

Non è questo il caso, di ciò ne ha parlato molto bene il mio collega Alberto Ciresola della Laurea Magistrale in Media Education. Per me e Stefano Pasta è diventato un pretesto per parlare di Media Literacy con i ragazzi dell’Istituto Superiore Maria Ausiliatrice di Varese. Il progetto è nato grazie ad un progetto della Camera di Commercio di Varese per il quale la scuola delle Figlie di Maria Ausiliatrice ha vinto il bando. Quando mi è stato comunicato il titolo del progetto sono rimasto un poco basito: “L’azienda e il suo vicinato: dare evidenza alle buone prassi del Welfare”. Mi è venuto da chiedermi cosa c’entrassi in un progetto del genere, che pesci pigliare. Cosa racconto ad un’aula di una trentina di studenti del liceo delle scienze umane riguardo alle buone prassi di un’azienda per sostenere il Welfare? Di un territorio, tra l’altro, che non è neanche il mio! 

L’utilizzo dell’app PollEverywhere ha consentito la discussione in aula in maniera più fluida

Si sa, quando una persona sceglie di fare l’educatore nella vita, nelle sue varie declinazioni, sa che dovrà vivere di trasformismo. Ma non quello camaleontico di chi non appartiene a nessun luogo e quindi deve arrangiarsi per sopravvivere, ma quello del trasformista esperto che adatta i suoi saperi, i suoi metodi e gli obiettivi in base all’utenza e al contesto che incontra. Quindi la domanda è sorta spontanea: cosa possono fare questi ragazzi per avvicinarsi a questo tema? Cosa dovrebbero essere capaci di fare alla fine di un progetto come questo? In più: come possiamo noi di Cremit dare un valore aggiunto a questo progetto a cui siamo chiamati a partecipare? Abbiamo cercato di mettere insieme i pezzi partendo dal Curricolo di Educazione Civica Digitale. La traduzione più sensata e spontanea ci è sembrata quella di un intervento orientato alle linee del punto sull’educazione all’informazione: la conoscenza e la ridistribuzione dell’informazione rispetto alle buone pratiche di responsabilità sociale d’impresa sono diventate il pretesto ottimale per una metariflessione sulla creazione, gestione e distribuzione dell’informazione.

La nostra idea si è trasformata in cinque incontri di aula presso la scuola, durante i quali abbiamo condotto i ragazzi attraverso alcuni punti per noi cardine dell’Information Literacy: per produrre consapevolezza sul fatto che al termine del percorso era previsto un evento di restituzione al territorio abbiamo chiesto agli studenti di generare un artefatto, un prodotto che avrebbe dovuto restituire la realtà della responsabilità sociale d’impresa nel loro territorio di appartenenza. 
La riflessione è quindi partita da un’infarinatura del concetto di responsabilità sociale d’impresa per poi chiederci: chi sono gli attori e i fruitori di questi processi? Cosa ci interessa sapere? Come otteniamo le informazioni che ci sono necessarie?
Arrivando a dirci che territorio e aziende erano gli attori, dovevamo gestire la collezione e la gestione delle informazioni sul tema da questi attori. 
Per quando concerne le aziende è stato semplice: abbiamo scelto di lavorare su un video, o una serie di video, che avessero un taglio giornalistico, come dei servizi di telegiornale in cui le aziende avrebbero raccontato se stesse. Ma il territorio? Come potevamo sapere che percezione ne avesse il territorio? Si è deciso di lavorare sulla costruzione di una survey, ma soprattutto sulla lettura profonda dei dati raccolti e sulla puntuale restituzione degli stessi. Il tutto è collimato in una presentazione all’evento finale, magistralmente tenuta da una studentessa, ma preparata da tutto il collettivo

Per ciò che concerne i video invece, il caso ha deciso di assisterci: infatti il padre di una delle studentesse è un fotografo di professione (Walter Capelli) ed ha voluto partecipare con impegno e professionalità al progetto.
La cura dei testi delle video-interviste alle aziende è stata presa in carico da noi, mentre i ragazzi hanno potuto assistere ad una lezione illuminante sulle tecniche di ripresa e di montaggio e sugli “strumenti del mestiere” di un videomaker. Inoltre il fotografo ci ha tenuto a guidare i ragazzi anche sul campo, prendendo parte alle prime interviste. Questo ha garantito il conseguimento di lavori dal taglio professionale, che sicuramente ha contribuito a dare valore al progetto; ma soprattutto ha contribuito a consapevolizzare i ragazzi sulla complessità della produzione di un’informazione. Soprattutto per quando concerne la qualità dell’informazione prodotta, ossia che sia verificabile, fruibile, arricchente.
Sicuramente d’ora in poi questi ragazzi guarderanno le informazioni, ma anche i video dei loro Youtuber preferiti con uno sguardo più critico, non dando per scontata la qualità di un prodotto. Inoltre, ormai, possono ritenersi dei piccoli esperti di responsabilità sociale d’impresa!


Video Project Work 

Video Project Work Backstage

Di Bruno Minini, studente della Laurea Magistrale in Media Education 

Read more at https://www.cremit.it/csr-azienda-scuola-e-territorio-il-curriculum-di-educazione-civica-digitale-tra-videointerviste-e-survey/#kRh4ls29iOzdjRKP.99

https://www.cremit.it/diritto-dautore-off-e-online-quando-tecnologie-digitali-e-pensiero-critico-entrano-in-classe/

Diritto d’autore off e on line”, quando tecnologie digitali e pensiero critico entrano in classe 

 di Stefano Pasta

image: https://www.cremit.it/wp-content/uploads/2019/03/incontro-con-lautore.jpg

“Diritto d’autore off e on line”, quando tecnologie digitali e pensiero critico entrano in classe

Presentiamo il percorso “Diritto d’autore off e on line”, sviluppato dalle classi III della Scuola Primaria “A. Racchetti” di Sondrio e dalla III B della Scuola Secondaria di I Grado di Albosaggia (SO) dell’Istituto Comprensivo “Paesi Orobici” di Sondrio, con cui il Cremit collabora da tempo. Si tratta di una buona prassi presentata nel seminario nazionale “Cittadinanza e cultura digitale”. Ne scrive l’insegnante Angela Fumasoni, animatrice digitale d’Istituto e responsabile del progetto insieme alla collega Stefania Gagetti, docente di lettere nella scuola Secondaria e referente per  la prevenzione al cyberbullismo.

Il percorso è stato sviluppato in verticale con obiettivi e proposte comuni fra i due ordini di scuola.  Le competenze chiave perseguite sono state : Sapersi orientare nell’informazione attraverso la ricerca, l’analisi e l’utilizzo critico delle opere ed essere consapevoli dei principi etici e giuridici impliciti nell’uso interattivo delle TIC nell’impiego della comunicazione in rete diventando autori responsabili (Media Literacy) e attenti lettori.

Il progetto è nato dall’esigenza di fare un passo avanti attraverso un percorso di media education per promuovere una conoscenza integrale dei media dal punto di vista educativo, “quell’ambito delle scienze dell’educazione e della comunicazione e del lavoro educativo che considera i media come risorsa integrale per l’intervento formativo” (Rivoltella, 2001) 

Per il nostro Istituto questo progetto rappresenta l’inizio di un percorso di rielaborazione di un curricolo verticale, documentando e diffondendo soluzioni didattiche, in quanto selezionati nell’ambito delle scuole lombarde per partecipare al progetto “Competenze digitali per una cittadinanza critica, consapevole, attiva e responsabile”, in collaborazione con il Cremit e l’Ufficio Scolastico Regionale (USR). 

Documento base per l’attivazione del progetto è stata l’analisi del “Curriculum di Educazione Civica Digitale”, dove si fa riferimento all’educazione ai media per “Orientarsi e comportarsi in una società medializzata” e all’educazione all’informazione per “Cercare, analizzare e utilizzare correttamente l’informazione”. In quest’ottica è di fondamentale rilevanza la formazione degli insegnanti nel settore dei media. L’acquisizione della strumentalità deve andare di pari passo con l’educazione ai media, come i MOOC realizzati dal Cremit “Peer & media Education (2018-2019)“, “3-6-9-12. Crescere con gli schemi digitali (2018-2019)”“Educazione Digitale. Indicazioni e strumenti per la famiglia e i contesti formativi”  (2018-2019)”.

Le fasi di lavoro hanno seguito le logiche didattiche dell’anticipazione, della produzione e della riflessione alla stregua della metodologia EAS (fase preparatoria, fase operatoria, fase ristrutturativa), che da alcuni anni viene sperimentata nelle classi grazie alla formazione erogata dal Cremit sotto la guida del professor Pier Cesare Rivoltella.

Partendo dallo studente come autore (pittore e/o scrittore), ci si è accostati alla conoscenza dell’opera d’autore e delle sue caratteristiche per poi riflettere sulle vigenti normative in materia di copyright e diritto d’autore e sulla necessità di porre attenzione alle fake news. Le attività hanno coinvolto più discipline, in particolare lingua italiana, arte, tecnologia e matematica. 

Molto importante è stata l’interazione con il territorio attraverso attività laboratoriali con la poetessa locale Paola Mara De Maestri, che ha illustrato le sue poesie spiegando anche il percorso che ha seguito per poter diventare una poetessa e l’iter per poter pubblicare un libro. La documentazione del progetto è stata sintetizzata in un video ”Diritto d’autore off e on line” pubblicato in rete.

image: http://www.cremit.it/wp-content/uploads/2019/03/simulazione-pubblicazione-in-rete-1.jpg

Nello specifico le tre fasi di lavoro:

1.Nella fase preparatoria si è presentato il framework concettuale: Chi è l’autore?

Sono state svolte attività in rete di ricerca informazioni su vari tipi di opere (libri d’autore, dipinti …), scoprendone l’autore e le caratteristiche principali. Si è ascoltata la canzone “L’isola che non c’è“ di Edoardo Bennato per capire il concetto di autore/cantautore (laboratorio musicale). Si è realizzato un videogioco con scratch, remixando un progetto per capire l’utilità della messa a disposizione alla comunità di un prodotto citando l’autore originario (laboratorio coding/ matematica). I ragazzi della scuola secondaria hanno visionato video e spot sociali sui temi della privacy online, dei rischi legati alla condivisione dei propri dati personali e  hanno discusso sulla tematica delle fake news. Vengono letti: il Manifesto della comunicazione non ostile; la brochure sulla prevenzione del cyberbullismo e l’articolo “L’educazione digitale che manca ai ragazzi per non ferire gli altri” di Beppe Severgnini (dal Corriere della Sera, 8/5/2013): l’articolo viene analizzato a partire da alcune domande guida formulate dalla docente. Si riflette sui temi della privacy, del diritto d’autore e della comunicazione on line e sull’uso consapevole dei social network.

 Sono state inoltre svolte delle attività unplugged. 

Gli alunni hanno realizzato dei falsi d’autore (dipinti famosi: “Autoritratto” di Van Gogh…) (laboratorio arte) per poi riflettere sulla normativa. Molto importante è stata simulare la pubblicazione in rete attraverso un maxischermo di cartone con all’interno tanti fili; gli alunni hanno creato il proprio autoritratto su cartoncino e lo hanno appeso alla rete lasciando libertà di modifica, i compagni hanno apportano le modifiche a piacimento e ripubblicato l’immagine. Gli autori hanno osservano i propri lavori e attraverso una scheda di metacognizione hanno espresso le proprie considerazioni in merito, la maggior parte non si è più riconosciuto come autore del disegno; come conclusione dell’attività i bambini sono stati guidati  ad una riflessione sui diritti d’autore e su cosa succede in rete nel momento della pubblicazione o invio di una foto.

2. La fase di produzione è stata incentrata sull’incontro con l’autrice locale: la poetessa Paola Mara De Maestri. 

L’attività laboratoriale ha previsto una prima conoscenza delle opere della poetessa attraverso la lettura di alcune poesie e la preparazione da parte degli studenti suddivisi a gruppi delle domande da proporre. Durante l’incontro con la poetessa, gli studenti hanno posto le domande sulle tematiche e i soggetti scelti e sul percorso seguito dalla poetessa, sull’iter per pubblicare un libro e sul diritto d’autore. Molto utile l’ interazione alunni-poetessa per un confronto diretto.

image: http://www.cremit.it/wp-content/uploads/2019/03/falso-autore.jpg

3. La terza e ultima fase del lavoro (riflessione) è servita per riflettere su quanto analizzato e prodotto e per una sintesi delle principali norme che regolamentano il diritto d’autore.

La legge n.633 sul diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio e testo consolidato del 6 febbraio 2016 (DLgs 15 gennaio 2016, n. 8), musica royalty free, falso d’autore e copyright (Cass.Pen., sentenza n.39474 del 24/09/2008), licenze creative commons.

Come conclusione del lavoro è stato prodotto un  video con il tablet costituito dalle fotografie scattate durante le fasi di lavoro, dagli screenshot delle diapositive con le normative e dalla registrazione audio delle voci dei bambini.

di Angela Fumasoni – IC “Paesi Orobici” di Sondrio
Read more at https://www.cremit.it/diritto-dautore-off-e-online-quando-tecnologie-digitali-e-pensiero-critico-entrano-in-classe/#yfMiPMrY9fxlCVlc.99

Parole Ostili

Si tratta dell’appuntamento dedicato al mondo della scuolache ha l’obiettivo di fornire agli insegnanti gli strumenti utili per educare ad una cittadinanza digitale.

Sarà una mattinata dedicata alla formazione con oltre 20 momenti tra lezioni frontali, panel e workshop interattivi. Il loro comune denominatore sarà il Manifesto della comunicazione non ostile, che verrà declinato su un’ampia varietà di ambiti e temi.
Tutti i panel e i laboratori saranno tenuti da esperti, da insegnanti certificati da Parole Ostili e da professionisti che, per formazione o professione, si occupano delle tematiche.

“Parole a Scuola – Trieste” sarà la terza edizione, 
dopo quelle di Milano e Bari del 2018. 
 Attenzione! 
Alcuni dei momenti formativi di Parole a Scuola si rivolgeranno anche ad un pubblico non prettamente scolastico. 


Sei un insegnante?

Segnati la data dell’8 maggioperché potrai partecipare in diversi modi:
– seguendo l’evento in presenza a Trieste
– lavorando con la tua classe attraverso le nuove schede didattiche che realizzeremo per l’occasione
– candidando i tuoi alunni al progetto “peer to peer” che attiveremo nelle prossime settimane.

Tutti i dettagli e le informazioni sulla giornata li racconteremo prossimamente, sempre attraverso la newsletter.

Gli appuntamenti di questa settimana 

14 gennaio a Susegana – Veneto 
Terremo un laboratorio sul Manifesto della comunicazione non ostile a una ventina di ragazzi della secondaria di primo grado. 

16 gennaio a Cremona – Lombardia 
“Dall’articolo 21 della Costituzione italiana al Manifesto della comunicazione non ostile”. L’evento, tenuto dalla nostra formatrice Barbara Alaimo, è aperto al pubblico. Per gli insegnanti verranno rilasciati dei crediti formativi. L’iniziativa si svolge  alle ore 16.30 presso l’Aula Magna dell’Istituto “A. Ghisleri” in via Palestro 35. 

17 gennaio a Milano – Lombardia 
Come affrontare il Cyberbullismo. Parliamo del tema ad alcuni studenti dell’Istituto Salesiano S. Ambrogio – Don Bosco attraverso i dieci principi del nostro Manifesto.

18 gennaio a Genova – Liguria 
Vi ricordate il tappeto gioco sui temi della navigazione sicura e della comunicazione non ostile che abbiamo realizzato per Costa Crociere? Sarà presente sulla nuova nave, Costa Smeralda, che verrà varata a marzo. Nel frattempo la nostra Giorgia sarà a Genova per formare l’equipaggio a utilizzarlo. 

Curiosità
 

Ad oggi sono oltre 250 i comuni che hanno ufficialmente sottoscritto il Manifesto. Le città più popolate che hanno aderito sono: Milano, Torino, Firenze, Palermo, Bari, Padova, Ferrara, Lecce, Bergamo.

L’elenco completo lo trovate sul nostro sito.

9 febbraio Safer Internet Day 2021

Con questa newsletter in occasione del Safer Internet Day 2021 ti presentiamo la nuova proposta di Cremit: riflettere criticamente e generare forme di utilizzo responsabile e sostenibile su TikTok, come linguaggio, formato e occasione di partecipazione attiva.

, Il nostro profilo TikTok @cremit_ è nato da una scelta ben precisa e strettamente connessa con una delle ragioni di esistere del Centro di Ricerca: osservare in tempo reale l’evoluzione dei media, coglierne le caratteristiche che li strutturano e proporre attività operative capaci di valorizzarne le potenzialità pedagogiche. Per il Cremit “aterrare” su TikTok ha quindi una profonda valenza pedagogica e media educativa, che riconosce la postura analitica e teorica nella prassi operativa e disseminativa e viceversa. In questo senso, il canale è pensato per pubblici differenti: insegnanti, operatori socio-educativi, studentesse e studenti delle Lauree in Scienze dell’Educazione, Scienze della Formazione e Media Education, ma anche per genitori. Per approfondire, conoscere il palinsesto, usare i contenuti raccolti e restituire la tua esperienza attraverso un breve questionario, clicca nel box qui sotto.

In particolare per il #SID2021 ti segnaliamo il filone che ha preso il nome di Serie, che ha l’intenzione di presentare contenuti media educativi in modalità serale; si pensa a questa modalità poichè il tema affrontato è troppo complesso per essere confinato nel tempo di un solo breve video. Si è deciso, ad esempio, di affrontare in questo filone il tema della cyberstupidity, diviso in più parti in modo tale da dare spazio alla presentazione di tutti i fenomeni come cyberbullismo, cyber harrassment, sexting, solo per fare qualche esempio. Per vedere direttamente il video che mette insieme tutte le risorse, clicca nel box qui sotto.  

Sul nostro sito trovi per ogni TikTok pubblicato sul canale Cremit il proprio IdenTikTok: l’identikit didattico, ossia la carta d’identità, che ne descrive il target, il filone al quale appartiene e l’intenzionalità educativa sottesa al suo inserimento in un contesto educativo. Allora si #puòimparareconTikTok? La risposta è sì! Il mondo di TikTok talvolta può essere poco comprensibile e lontano dalle logiche a cui si è soliti. Prendendo confidenza con il social si può inziare a vivere l’esperienza di divenire autori di prodotti audiovisivi creativi, iper-personalizzati e con una forte valenza pedagogica. Per consultare le schede didattiche pubblicate e di volta in volta aggiornate per i filoni MediaEducativo e ReceCremit, clicca nei box qui sotto.  

Fai girare questa newsletter suggerendo ad altri amici e conoscenti di iscriversi alla nostra newsletter Cremit http://www.cremit.it/newsletter/ e di seguirci sui nostri canali social.

A presto!

Lo staff CREMIT

CremitLargo Fra Agostino Gemelli , 1 – 20123 Milano

https://www.cremit.it/cd-news/:

Prosegue il percorso “Check & Design” che ci vede impegnati sul tema della #informationliteracy in un progetto Erasmus+.
👉 A Lisbona SimonaFerrari ha illustrato la piattaforma #Eduopen che ospita #mooc sul tema cremit.it/cd-news/
@Cattolica_News
📍#checkandesign

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: