Materiali del recente Learning Day Erasmus+ Scuola a Milano: Verso una piena strategia europea per l’istruzione.

Link alla pagina dove, alla voce ‘allegati’, si può accedere ai materiali del Learning DAY del 28 ottobre a Milano:
www.europedirect.regione.lombardia.it/wps/portal/PROUE/ED/Eventi/DettaglioEvento/2019/luglio-dicembre-2019/eve-infoday-erasmus-28ottobre/

Webinar gratuito – Strategie didattiche tra innovazione e tradizione – Scuola Academy – 21.11.2019, 15.00 – 16.30 – formatrice: Maddalena Albano


La Scuola Academy propone a tutti i docenti Scuola Secondaria un webinar gratuito che esaminerà alcune tipologie di strategie didattiche, dalla più tradizionale lezione frontale alle forme più innovative d’insegnamento (come il microlearning), valutandone i livelli di efficacia sulla base delle evidenze scientifiche.

Formatrice e Tutor: Maddalena Albano, docente esperta di Didattica digitale.

La lezione è prevista giovedì 21 novembre, dalle ore 15.00 alle ore 16.30.

Per iscriverti

clicca qui

La partecipazione è gratuita (con rilascio dell’attestato), 

ma l’iscrizione è obbligatoria. 

Per informazioni contatta: formazione@lascuola.it 

PROGRAMMA

Come può un docente validare le proprie strategie didattiche e scegliere quelle che possono conseguire risultati migliori? 
La prospettiva offerta dall’educazione basata su evidenze scientifiche (Evidence Based Education) può aiutare i professionisti della formazione a documentarsi sull’efficacia delle diverse strategie didattiche.

Il webinar affronta la complessa questione dei rapporti tra didattica innovativa e didattica efficace, comparando alcune tipologie di strategie didattiche, dalla più tradizionale lezione frontale alle forme più innovative d’insegnamento come il microlearning, valutandone i livelli di efficacia sulla base delle evidenze scientifiche.

Formatrice: Maddalena Albano, dirigente scolastica, formatrice, già docente di scuola secondaria di secondo grado, esperta di Didattica Digitale.

Come funziona:

Il formatore propone una relazione supportata da slides e da una chat in cui i partecipanti possono porre domande in diretta.
Dopo aver effettuato l’iscrizione il corsista riceverà conferma all’indirizzo e-mail fornito in fase di registrazione. 
Il giorno prima del webinar, invece, riceverà via e-mail il link e le credenziali di accesso per collegarsi e partecipare. 

N.B. La Scuola Academy invierà via mail l’attestato di partecipazione ai docenti che avranno seguito l’evento “live” (data e orario previsti dal programma).

Sondaggio sugli ambienti di apprendimento: risultati

The findings of our latest survey show that the school environment is generally not suitable for 21st-century education. Teachers wish to have a flexible space in the school for varied learning approaches to facilitate innovation, and they believe that there are simple, low-cost steps that can be taken to improve the learning environment.

https://www.schooleducationgateway.eu/en/pub/viewpoints/polls/survey-on-learning-environment.htm

Thinking about the learning environment in your school or a school you know of, is it fit for purpose? Does it support innovative teaching and learning? How could it be different?

I risultati a mio parere più significativi:

Il 60% dei docenti intervistati segnala„ più integrazione della tecnologia a supporto dell’apprendimento“ come cambiamento più desiderato

il 68% chiede invece uno spazio flessibile nella scuola aperto a diversi approcci di apprendimento

Which three changes to the learning environment would you most like to see?

Survey on learning environments - Graph 6

Asked about which three changes to the learning environment they would like to see in their schools, respondents most frequently cited a flexible space in the school for varied learning approaches (68%). Almost as many (60%) express a desire for more integration of technology to support learning. Other desired changes include more open spaces to support teacher collaboration (39%), more variety of furniture (e.g. large cushions, adjustable desks) (39%), attractive surroundings (e.g. works of art, posters, plants, displays of students’ work) (34%), adaptation to improve access for students with special needs or disabilities (21%) and improved lighting or sound insulation (17%). A minority of respondents indicated that they would like to have better air quality and permission to change the furniture layout (11% and 10%).

Conclusioni

The survey reveals that two thirds of respondents think that their school does not have an environment conducive to 21st-century education.

The classroom seems to be the main space used for teaching and learning, and a black- or whiteboard together with a projector seems to be the equipment available in the majority of the classrooms. Most classrooms are set up for 21-30 students and the most common seating layout is pairs of desks in rows. Participants tend to disagree that changes to learning environments distract students or create stress to teachers. Respondents believe that innovation in teaching and learning is facilitated by the school’s learning environment – the school design encourages teachers to apply new ideas, collaborate and experiment, as well as supports the use of technologies.

Most respondents believe that it is possible to change the learning environment in their school and that there are simple, low-cost steps to do so. However, 8 out of 10 respondents agree that ministries and regional/local authorities are not supporting schools enough in creating an optimal environment for modern teaching and learning.

Many participants would like their schools to have a flexible space for varied learning approaches and they would like to integrate technology in the learning process to support learning. They also highlight the need for teacher collaboration, so it is not surprising that they would like to have more open spaces to support it.

Learning Spaces ( webinar) 14.11.2019, ore 17:00

https://www.schooleducationgateway.eu/en/pub/teacher_academy/webinars/learning-spaces.htm

School Education Gateway ha organizzato per giovedì 14 novembre 2019 un webinar dal titolo Learning Spaces.

Invito a partecipare al brevissimo pre-sondaggio al link: complete this pre-survey

e a iscriversi alla mailing List del webinar:

Sign up to the webinars mailing list for the latest updates!

Join the webinar here on Thursday, 14 November at 17:00h CET!

Speakers: Massimo Belardinelli, School Principal at the 1st School district “San Filippo” in Città di Castello, Italy; Cidália Marques, Deputy Headmaster at Agrupamento de Escolas Fernando Casimiro Pereira da Silva, in Rio Maior, Portugal.

This webinar focuses on how schools can innovate the learning spaces to accelerate teaching innovation processes with practical examples. Participants are encouraged to go beyond the classrooms and think about the school building as a whole to feel good and learn better. During the webinar practical examples and solutions are presented so that effective classroom designs can be achieved even with limited resources.

Speakers

Massimo Belardinelli

Massimo Belardinelli is an experienced technology and ICT teacher with a specific training in management of school systems. Since 2007, he is School Principal at the 1st School district “San Filippo” in Città di Castello (Umbria, Italy), which is a case study for learning environments and technology innovation. Massimo has joined regional and national expert groups in education and research, and he is collaborating with INDIREin three research areas: Learning Spaces, Vanguard of Education (Avanguardie Educative), and Small Schools. He currently coordinates a European Erasmus+ project on Learning spaces for school inclusion involving six European countries (AYDS Project).

Cidália_Marques

Cidália Marques is senior coordination in ICT in teaching and deputy headmaster at Agrupamento de Escolas Fernando Casimiro Pereira da Silva, in Rio Maior, Portugal. A coding and robotics teacher since 2010, Cidália currently acts as coordinator for ActiveLab, a project based on Future Classroom Labs.

Avanguardie Educative: Formazione rivolta ai docenti degli Istituti di ogni ordine e grado sulle Idee adottate dall’IIS Pacioli di Crema


La formazione, rivolta ai docenti degli Istituti di ogni ordine e grado, si terrà secondo il seguente calendario:


“Il Debate: argomentare e dibattere”
mercoledì 20 novembre 2019
dalle ore 15:00 alle ore 18:00
presso IIS Pacioli via delle Grazie n° 6


“FlippedClassRoom: la classe capovolta”
mercoledì 27 novembre 2019
dalle ore 15:00 alle ore 18:00
presso IIS Pacioli via delle Grazie n° 6


In collaborazione con I.C. Amaldi di Cadeo (Piacenza) sono stati organizzati i seguenti incontri formativi:


“CCD/Libri di testo” per la scuola primaria e secondaria di I grado
lunedì 18 novembre 2019
dalle ore 15:00 alle ore 18:00
presso IIS Pacioli via delle Grazie n° 6
relatori: Franchi Alessandra, Bruzzi Alessandra
“Service Learning (Dentro/fuori la scuola)” per la scuola primaria e secondaria di I grado

Service Learning (Dentro/fuori la scuola)” per la scuola primaria e secondaria di I grado

martedì 26 novembre 2019
dalle ore 15:00 alle ore 18:00
presso IIS Pacioli via delle Grazie n° 6 relatori: Bertuzzi Romina,
Vallisa Maria Giuseppina


Per iscriversi:

compilare il modulo entro il 17.11. 2019:


https://forms.gle/5RiarmTm1hPepNxf9


A richiesta di Istituti eventualmente interessati e con la presenza di almeno 10 docenti i formatori potranno svolgere attività di formazione direttamente a Cremona nell’Istituto che lo richiede in date da concordare.


Per richiedere la formazione, ogni scuola dovrà compilare il modulo seguente entro il 17 novembre 2019:

https://forms.gle/wXHdgf716GAo9XR56

INVITO alla presentazione del libro “Il nemico innocente. L’incitamento all’odio nell’Europa contemporanea”

di Licia Lombardo,

Centro di Ricerca sulle Relazioni Interculturali Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Si invita alla presentazione del libro “Il nemico innocente. L’incitamento all’odio nell’Europa contemporanea” Guerini editore, a cura di Milena Santerini, con la prefazione di Liliana Segre.

L’odio, il razzismo e l’intolleranza rappresentano un fenomeno inquietante della società italiana attuale; in particolare, l’antisemitismo assume ora nuove e preoccupanti forme. Il caso della Commissione Segre e l’aumento dell’hate speech online mostrano, in particolare, l’urgenza di contrastare l’odio, il razzismo risorgente, i nazionalismi aggressivi.

Il volume, promosso dall’IHRA (International Holocaust Remembrance Alliance) e curato da Milena Santerini, docente all’Università Cattolica del S.Cuore di Milano, vice presidente del Memoriale della Shoah e firmataria della prima proposta di Commissione parlamentare contro l’intolleranza e il razzismo, contiene saggi sul fenomeno dell’incitamento all’odio sul piano storico (Riccardi), giuridico (Flick), sociologico (Wieviorka), del diritto informatico (Ziccardi).

Open schools for a diverse society. Challenges and Proposals – Seminario internazionale 22 e 23 novembre 2019 – UCSC Brescia

Link alla locandina:

brescia.istruzione.lombardia.gov.it/wp-content/uploads/2019/11/Open-Schools_International-Conference_BROCHURE-1.pdf

Avviso del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio IV – Ambito Territoriale di Brescia,

Il Dirigente Giuseppe Bonelli

comunica che il 22 e 23 novembre 2019 si terrà, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia,

il Seminario internazionale: “Open schools for a Diverse Society.Challenges and Proposals”.


Il Seminario, aperto a tutti, è organizzato in quattro sessioni di lavoro con la possibilità di partecipare alle singole sessioni.

Per motivi organizzativi è gradita la preiscrizione entro il

14 novembre 2019 attraverso il seguente link

https://forms.gle/qDdBwRXyM67DL1pY6

che permette di avere il badge nominale, la cartelletta con i materiali dell’evento e la possibilità di accedere all’area per i coffee break e i pranzi (per i primi 50 iscritti).

Si invitano le Istituzioni scolastiche a dare massima diffusione all’iniziativa.

Per informazioni contattare:

Bianca Gheza– tel. 0302012223;

biancagheza.ustbs@gmail.com

Agenda digitale

https://www.agendadigitale.eu/accedi/

https://www.agendadigitale.eu/cultura-digitale/ragazze-e-digitale-piu-formazione-esperienziale-contro-il-gender-gap/

Le donne, influenzate da stereotipi e luoghi comuni, rischiano di escludersi dalla trasformazione digitale, lasciando agli uomini l’opportunità di acquisire le competenze necessarie per affrontarla e gestirla. Una serie di progetti della Fondazione Mondo Digitale puntano a accelerare il raggiungimento della parità di genere.

di Mirta Michilli

direttore generale della Fondazione Mondo Digitale


Fondazione Mondo Digitale si è impegnata ad accelerare il raggiungimento della parità di genere nel settore scientifico e tecnologico e lo fa aiutando le ragazze a scoprire la trasversalità delle Steam, le svariate applicazioni dell’informatica, la creatività che si nasconde dietro ai linguaggi di programmazione, aperti a collaborazioni e nuove sfide, anche per perfezionare ed estendere il proprio modello.

Anche i dati Istat sottolineano un divario considerevole in termini di occupazione: in un paese in cui le donne sono oltre 1,7 milioni in più degli uomini, le lavoratrici sono 3,4 milioni in meno dei lavoratori. Nonostante negli ultimi dieci anni la situazione sia migliorata, l’universo femminile continua ad avere un tasso di disoccupazione più alto di quello maschile: hanno un impiego il 49,5% delle donne contro il 67,6% degli uomini.

Le donne italiane studiano più degli uomini, ottengono risultati migliori, ma solo il 33% è iscritto a corsi di laurea dell’area scientifica. Privilegiano percorsi formativi con prospettive occupazionali e retributive inferiori. L’accesso al settore tecnologico è ancora ostacolato dagli stereotipi, mentre automazione e intelligenza artificiale cominciano a trasformare i lavori. Entro 10 anni fino a 160 milioni di donne nel mondo potrebbero essere costrette a cambiare impiego, secondo un recente studio del McKinsey Global Institute (The future of women at work, 2019).

Le donne, influenzate da stereotipi e luoghi comuni, rischiano di escludersi dalla trasformazione digitale, lasciando agli uomini l’opportunità di acquisire le competenze necessarie per affrontarla e gestirla. “Alla rivoluzione informatica le ragazze non hanno partecipato”: lo ricorda in una recente intervistaPaola Velardi, professore ordinario del Dipartimento di Informatica della Sapienza Università di Roma e Program Chair di ACM womENcourage 2019. Tra gli specialisti nel settore ICT il rapporto è di una donna ogni sei uomini (Women in Digital Scoreboard 2019).

Il programma coding girls

Il programma Coding Girls, promosso insieme all’Ambasciata USA in Italia e in collaborazione con Microsoft, si è evoluto fino a trasformarsi, nel 2017, in un’associazione di promozione culturale per la valorizzazione dei talenti femminili nel campo delle Steam. Forse la prima esperienza in Italia basata sull’effetto moltiplicatore della formazione alla pari e sullo sviluppo di una giovane e-leadership al femminile. Le “ragazze che programmano il futuro” sono aumentate di anno in anno e sono diventate capaci di organizzare anche in modo spontaneo eventi di alfabetizzazione ed empowerment, che inseriscono lo strumento del coding nella cornice del modello di Educazione per la vita. Il coding diventa così uno strumento di libertà, una sorta di ascensore sociale, che permette a migliaia di ragazze di progettare un futuro diverso, libere da condizionamenti, stereotipi e pregiudizi.

Per la sesta edizione il programma lancia una nuova sfida a 150 Coding Girls delle scuole superiori che entro l’anno dovranno formare 10mila coetanee. La staffetta formativa (allenamenti, laboratori, hackathon) tocca ben 14 città e vede la preziosa partecipazione di 13 università, tra cui Pisa, Politecnico di Milano, Sapienza di Roma, Alma Mater Studiorum di Bologna. A Torino la collaborazione con la Compagnia di San Paolo trasforma Coding Girls in un progetto cittadino triennale, per orientare e valutare i percorsi formativi e professionali di 600 ragazze da 13 a 19 anni. L’impatto della formazione esperienziale sulle ragazze sarà misurato a breve, medio e lungo termine.

Tutti i progetti in corso

Per appassionare anche bambine e adolescenti alle materie scientifiche abbiamo collaborato in dieci progetti con le scuole che hanno partecipato al bando “In estate si imparano le STEM”, promosso dal Dipartimento per le pari opportunitàCon Women in Technology abbiamo coinvolto in un’esperienza pilota 220 studentesse che hanno sviluppato un’idea di impresa, hanno realizzato prototipi nei laboratori di fabbricazione digitale e sperimentato il crowdfunding.

Agenda Digitale é partner di Microsoft nella sfida di “Ambizione Italia per la Scuola”, con sessioni speciali di donne a lezione di intelligenza artificiale, e di altre iniziative come “Nuvola Rosa” e #STEMInTheCity, che promuovono l’uso attivo e creativo della nuove tecnologie.

https://www.innovationgym.org/category/ambizione-italia/

I social network sono al centro di She Means Business, il progetto globale di Facebook che sostiene l’imprenditoria femminile. Alle donne con un’attività autonoma vengono forniti strumenti e modelli di successo per raggiungere velocemente i propri obiettivi professionali. Dopo aver coinvolto nel 2018 oltre 4.000 donne (35 eventi formativi in 24 città), quest’anno il programma itinerante si sposta nel Centro e Sud Italia per formare altre 2.000 lavoratrici autonome o giovani donne con un’idea di impresa.

I laboratori al femminile sul digital marketing fanno tappa anche al Binario F, l’hub di Facebook alla Stazione Termini di Roma dedicato allo sviluppo delle competenze digitali, che ospita il programma “Vagone FMD. Da 01 a 100”.

Ringrazio Mirta Michilli per questo prezioso contributo e per l’attività straordinaria di

Fondazione Mondo Digitale

@RIPRODUZIONE RISERVATA