Alfabeto della Vita Digitale: F come Fake News – Cityrumors Milano – pubblicato da Vittorino Giustiniani il 16 Settembre 2018

Approfondimento proposto nell’ambito del progetto „Mediazione per l’accoglienza“ Consorzio Erasmus Plus 2021-1-IT02-KA121-SCH-000012059: Obiettivo 9

Orson Welles nel 1938 lesse una celebre e provocatoria falsa notizia alla radio americana, che molti degli ascoltatori credettero vera

Per chi ha voglia di fare qualcosa di più che semplicemente difendersi, ma comprendere da dove e come arriva una fake news, per poterla eventualmente anche svelare ad altri e così disinnescarla non solo per se stessi ma anche per migliorare l’ambiente mediatico di tutti, c’è la possibilità di compiere tre azioni utili.

La prima è la verifica vera e propria delle fonti, cioè andare a controllare effettivamente chi ha pubblicato per primo l’informazione che si vuol controllare;

la seconda è la ricerca dello stesso argomento che crea dubbio su siti e account differenti e affidabili per comprovarne la veridicità o meno;

la terza è la consultazione di quei siti dedicati proprio a svelare e divulgare tutte quelle notizie che sono risultate false, veri e propri fact-checker online, come in Italia Bufale.net.

Pubblicato da Marzia Vacchelli

Docente di Lingua e Cultura Tedesca presso il Liceo Veronica Gambara di Brescia; Teacher Trainer per la Rete Scuole Ambito n.6 Lombardia (Brescia, Hinterland e Val Trompia), Docente esperta e Media Education Manager presso CREMIT di Milano; dottoranda in Letterature Comparate presso FAU Erlangen/Nürnberg.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: